Premio AudioDoc, edizione 2014
fare, ascoltare, scoprire lʼaudio documentario

BANNER LOGHI

Sette i titoli finalisti che concorrono alla prima edizione del Premio AudioDoc, la sezione competitiva dedicata agli audio documentari, a cura di Audiodoc e Tratti Documentari. Gli ascolti delle opere finaliste avverranno in presenza degli autori. La Giuria popolare assegnerà al miglior documentario il Premio AudioDoc, dal valore di 1000 euro.

Il Premio AudioDoc si inserisce nellʼambito di “Contest, il documentario in sala”, la rassegna dedicata al cinema del reale che si svolge dal 27 maggio al 1 giugno prossimi al Nuovo Cinema Aquila a Roma.

PROGRAMMA

Martedì 27 maggio

Sala 1

Ore 18:00 Urtisti e peromanti: venditori di souvenir a Roma di Giovanni Piperno
Ore 19:00 A questo punto, viaggio in un possibile NORD-EST prossimo venturo di Jonathan Zenti

Mercoledì 28 maggio
Sala 1

Ore 18:00 Cʼera una volta il telefono di Anna Raimondo
Ore 19:00 CIE di Stefano Liberti e Gabriele Del Grande

Giovedì 29 maggio
Sala 3

Ore 18:00 Ero ora sono di Davide Tosco
Ore 19:00 Ucraina, terra di confine di Anais Poirot-Gorse
Ore 20:00 Condominium. Come ti rompo le scatole di Alessia Rapone

Domenica 1 giugno
Sala 1

ore 18:30 Cerimonia di premiazione

INFO
Nuovo Cinema Aquila, Via l’Aquila, 66, Roma – 06 7039 9408
Premio AudioDoc, dal 27 al 29 maggio – INGRESSO LIBERO

mail: info@tratti.org

Terredinessuno_programma014_web1024

Contest, il documentario in sala” dal 27 maggio al 1 giugno al Nuovo Cinema Aquila a Roma

Sette i titoli finalisti che concorrono alla prima edizione del Premio AudioDoc, la sezione competitiva dedicata agli audio documentari, a cura di Audiodoc e Tratti Documentari. Le proiezioni sonore delle opere finaliste avverranno in presenza degli autori. La Giuria popolare assegnerà al miglior documentario il Premio AudioDoc, dal valore di 1000 euro.
Ringraziamo i 35 autori che hanno candidato lavori al Premio, per il supporto e la passione.

PremioAudioDocFB
A questo punto
viaggio in un possibile NORD-EST prossimo venturo

di Jonathan Zenti
Italia, 2013, 58’

C’era una volta il telefono
di Anna Raimondo
Italia, 2014, 40’

CIE
di Stefano Liberti e Gabriele Del Grande
Italia, 2013, 24’

Condominium. Come ti rompo le scatole
di Alessia Rapone
Italia, 2014, 18’

Ero ora sono
di Davide Tosco
Svizzera, 2013, 25’

Ucraina, terra di confine

di Anais Poirot-Gorse
Svizzera, 2014, 27’

Urtisti e peromanti: venditori di souvenir a Roma
di Giovanni Piperno
Italia, 2014, 33’

PremioAudioDocFB

“Come scava in profondità, il nostro udito! Pensate a tutto quello che significa capire da qualcosa che hai solo ascoltato. La divinità di avere un orecchio! Non è, come minimo, un fenomeno semi-divino essere scagliati tra i torti più reconditi di un’esistenza umana in virtù di null’altro che questo: starsene là seduti, al buio, a sentire quello che si dice?” (P. Roth)

Si chiama “Contest, il documentario in sala” ed è la rassegna dedicata al cinema del reale che si svolge dal 27 maggio al 1 giugno prossimi al Nuovo Cinema Aquila a Roma. Si chiama Premio AudioDoc il concorso di audio documentari che quest’anno si lega alla quarta edizione della rassegna cinematografica e invita alla partecipazione e all’ascolto di opere sonore edite e inedite a tema libero.

Organizzato dall’associazione di audio documentaristi indipendenti Audiodoc e Tratti Documentari, il Premio intende favorire una più ampia cultura dell’ascolto legata alla rappresentazione della realtà in tutte le sue forme.

PUBBLICATI I 7 FINALISTI DEL PREMIO AUDIODOC

PER CHI SUONA IL PAESAGGIO 2014
Meeting italiano FKL [Forum Klanglandschaft] sul paesaggio sonoro

Secondo incontro fra operatori, sound artists, studiosi e persone interessate al tema del paesaggio sonoro, promosso da FKL [Forum Klanglandschaft]
Nei giorni dal 2 al 4 maggio si svolgeranno a Firenze, nello spazio delle Murate , de Il Vivaio del Malcantone, di La Corte Arte Contemporanea, lezioni, workshop, seminari, sessioni di ascolto.
Il tema del rapporto fra i suoni dell’ambiente e l’essere umano sarà affrontato secondo il punto di vista di diverse discipline, e costituisce la fonte dell’ispirazione delle diverse proposte sonore.
Parleranno musicisti, musicologi architetti, antropologi, matematici linguisti, nonché operatori ed altro ancora. Presenteranno i loro lavori e mostreranno particolari aspetti della ricerca sui suoni del mondo che ci circonda e di come influiscono sulla nostra vita.

meeting_fkl014

PROGRAMMA COMPLETO SU: paesaggiosonoro.it

Come scava in profondità, il nostro udito! Pensate a tutto quello che significa capire da qualcosa che hai solo ascoltato. La divinità di avere un orecchio! Non è, come minimo, un fenomeno semi-divino essere scagliati tra i torti più reconditi di un’esistenza umana in virtù di null’altro che questo: starsene là seduti, al buio, a sentire quello che si dice?” (P. Roth)

Si chiama “Contest, il documentario in sala” ed è la rassegna dedicata al cinema del reale che si svolge dal 27 maggio al 1 giugno prossimi al Nuovo Cinema Aquila a Roma. Si chiama Premio AudioDoc il concorso di audio documentari che quest’anno si lega alla quarta edizione della rassegna cinematografica e invita alla partecipazione e all’ascolto di opere sonore edite e inedite a tema libero.

Organizzato dall’associazione di audio documentaristi indipendenti Audiodoc e Tratti Documentari, il Premio intende favorire una più ampia cultura dell’ascolto legata alla rappresentazione della realtà in tutte le sue forme.

In finale arriveranno sei audio documentari valutati da una giuria popolare e da alcuni esperti del settore. Al miglior audio documentario sarà assegnato un premio di 1.000 euro.
È possibile far parte della giuria del pubblico compilando la richiesta di partecipazione disponibile sul sito del Nuovo Cinema Aquila all’indirizzo: http://www.cinemaaquila.com/contest-il-documentario-in-sala/ L’organizzazione nominerà la giuria sulla base delle candidature pervenute e dopo una selezione de visu dei proponenti.

“Contest, il documentario in sala” si inserisce quest’anno all’interno del progetto “Altre Visioni Mondo, un festival lungo un anno per un cinema in Comune”, sostenuto e con il Patrocinio dell’Assessorato alla Cultura, la Creatività e Promozione Artistica del Comune di Roma.

premoiaudiodoc

Regolamento Premio Audio Doc
1. La partecipazione alla sezione Audio Documentario è gratuita e aperta a tutti, senza limiti di età o nazionalità. I documentari, in lingua italiana, possono essere inediti o trasmessi da emittenti italiane o estere, purché messi in onda a partire dal 1° gennaio 2013.
2. La scheda di iscrizione e i materiali richiesti devono essere inviati entro il 30 aprile 2014.
3. La Direzione artistica della sezione audio documentario si riserva il diritto inappellabile della selezione.
4. L’Organizzazione nominerà una giuria popolare che, insieme ad alcuni esperti del settore, verrà incaricata di assegnare un premio di 1000 € all’autore del miglior audio documentario.
5. Gli ascolti verranno programmati dal 27 maggio al 1 giugno 2014 al Nuovo Cinema Aquila (Via l’Aquila, 66 – Roma), sarà necessaria la presenza dell’autore.
6. Con la sottoscrizione della scheda di iscrizione e l’invio della stessa all’indirizzo dell’Organizzazione, gli autori accettano il presente regolamento e si impegnano ad osservarlo.
7. L’organizzazione si riserva il diritto di variare all’ultimo momento il calendario dell’attività.

Materiali richiesti:

1. Scheda di iscrizione completa.
2. Sinossi, trascrizione dell’audio documentario.
3. Locandina (alta risoluzione 300dpi) e foto inerenti l’audio documentario.
4. Breve biografia e foto autore.
5. Trailer in versione Mp3 (320Kbps – 48kHz)
6. Audio documentario in versione Mp3 (320Kbps – 48kHz)
Inviare a direzione@tratti.org e audiodoc@audiodoc.it utilizzando il servizio di trasferimento file preferito.


Leggi il Bando del Premio AudioDoc con il regolamento e ulteriori informazioni.
Scarica la Scheda di iscrizione

In occasione della Sartiglia 2014 e delle manifestazioni ad essa collegate,
l’Associazione culturale Tratti Documentari presenterà a Oristano la proiezione del film “Senza Ferro” (53′ – 2009)
allo scopo di rendere omaggio ad Antonio Casu e al lavoro da lui fatto coi giovani negli ultimi trent’anni.

ricordando-antonio-loghi-mail1

Antonio è prematuramente scomparso lo scorso mese di novembre e la proiezione di “Senza Ferro” – un film che lui ha particolarmente voluto e amato – vuole essere un’occasione per rendere omaggio a un personaggio di sicuro riferimento per il mondo della Sartiglia, della Sartigliedda, per lo sport e la cultura di Oristano.

Antonio è stato sartigliante e componidori negli anni ’50, ideatore della Sartigliedda, creatore della scuderia “Giara Club – Is Pariglias”, dove negli ultimi 30 anni, sotto la sua guida, sono cresciuti sportivamente tantissimi dei sartiglianti di oggi.

Nel 1991 è stato insignito della Maschera d’argento, l’ambito riconoscimento della Confartigianato di Oristano. La motivazione dell’assegnazione di quel premio ben delinea la figura di Antonio Casu:  ”Per la sua straordinaria vocazione alla vita equestre, tesa unicamente alla esaltante scrupolosa e faticosa preparazione dei ragazzi quali futuri e autentici cavalieri della Sartiglia in tantissimi anni di vita operativa. Per il prezioso contributo alla valorizzazione del Torneo Oristanese in Italia e all’estero con la continua e spettacolare presenza della sua scuola equestre protagonista assoluta e messaggera di una lontana e salda cultura mediterranea che resiste al tempo, perché atavicamente legata ai valori primari di un limpido mondo contadino ancora integro, produttivo e saldo che nella storia è storia per il prestigio al mondo Giudicale e per il contributo odierno di crescita e di speranza nell’orizzonte culturale Arborense”.

Lunedi 24 febbraio 2014, ore 18:00
Sala Centro Servizi Culturali UNLA, Oristano.

Proiezioni Sonore” al Nuovo Cinema Palazzo a cura di Amisnet e Audiodoc:

giovedì 20 febbraio ore 21
Kater I Rades

Audio Documentario – 2013 – Italia

regia: Ornella Bellucci

con: Xhiko Mukaj, Ermal Rapushi, Lisa Çala, Piero Pugliese, Alessandro Leogrande
montaggio e mix: Gianluca Stazi

produzione: Tratti Documentari

La sera del Venerdì santo del 1997, una piccola imbarcazione albanese stracarica di profughi, la Kater I Rades, viene speronata da una corvetta della Marina militare italiana al largo delle coste pugliesi. È uno dei più gravi naufragi della storia recente del Mediterraneo: muoiono 81 persone, in gran parte donne e bambini. Molti corpi non verranno mai recuperati, i sopravvissuti sono solo 34.
Il naufragio della Kater I Rades, avvenuto in quel lembo di mare che separa l’Italia dall’Albania, mentre nel piccolo paese balcanico infuriava una sanguinosa guerra civile, segna uno spartiacque nella percezione dei viaggi dei migranti. Per la prima volta, l’applicazione delle politiche di respingimento in alto mare provoca un immane disastro. Un disastro politico, non naturale.

Cinema Palazzo, Piazza dei Sanniti, San Lorenzo, Roma.

Kater-I-Rades-cinema-palazzo

Allora, io sono figlio di un maniscalco, mio padre faceva il maniscalco, qui ad Oristano, proprio dove corre la Sartiglia. Io son nato proprio sotto il portico, abitavamo lì e mio padre lavorava lì.
Ero un bambino e vedevo sempre cavalli, i cavalli che ferrava mio padre, quelli della Sartiglia, questi cavalli grandi, che per me erano grandissimi… però mi sarebbe piaciuto avere il cavallino della Giara, che in Sardegna era quello che si vedeva di più, in quei tempi lì…
montavamo gli asinelli, però non era mai come il cavallino della Giara, e io… è sempre stato il mio sogno fare un qualcosa sul cavallino della Giara.
Guai prima a parlare di un giarino, sembrava… ne parlavano solo per il macello.
Invece qui, io piano piano son riuscito ad averne dai 20 ai 30, come ho attualmente.