Home » Incontri e Festival (Pagina 2)

Category Archives: Incontri e Festival

PER CHI SUONA IL PAESAGGIO 2014

PER CHI SUONA IL PAESAGGIO 2014
Meeting italiano FKL [Forum Klanglandschaft] sul paesaggio sonoro

Secondo incontro fra operatori, sound artists, studiosi e persone interessate al tema del paesaggio sonoro, promosso da FKL [Forum Klanglandschaft]
Nei giorni dal 2 al 4 maggio si svolgeranno a Firenze, nello spazio delle Murate , de Il Vivaio del Malcantone, di La Corte Arte Contemporanea, lezioni, workshop, seminari, sessioni di ascolto.
Il tema del rapporto fra i suoni dell’ambiente e l’essere umano sarà affrontato secondo il punto di vista di diverse discipline, e costituisce la fonte dell’ispirazione delle diverse proposte sonore.
Parleranno musicisti, musicologi architetti, antropologi, matematici linguisti, nonché operatori ed altro ancora. Presenteranno i loro lavori e mostreranno particolari aspetti della ricerca sui suoni del mondo che ci circonda e di come influiscono sulla nostra vita.

meeting_fkl014

PROGRAMMA COMPLETO SU: paesaggiosonoro.it

Premio AudioDoc 2014_BANDO

Come scava in profondità, il nostro udito! Pensate a tutto quello che significa capire da qualcosa che hai solo ascoltato. La divinità di avere un orecchio! Non è, come minimo, un fenomeno semi-divino essere scagliati tra i torti più reconditi di un’esistenza umana in virtù di null’altro che questo: starsene là seduti, al buio, a sentire quello che si dice?” (P. Roth)

Si chiama “Contest, il documentario in sala” ed è la rassegna dedicata al cinema del reale che si svolge dal 27 maggio al 1 giugno prossimi al Nuovo Cinema Aquila a Roma. Si chiama Premio AudioDoc il concorso di audio documentari che quest’anno si lega alla quarta edizione della rassegna cinematografica e invita alla partecipazione e all’ascolto di opere sonore edite e inedite a tema libero.

Organizzato dall’associazione di audio documentaristi indipendenti Audiodoc e Tratti Documentari, il Premio intende favorire una più ampia cultura dell’ascolto legata alla rappresentazione della realtà in tutte le sue forme.

In finale arriveranno sei audio documentari valutati da una giuria popolare e da alcuni esperti del settore. Al miglior audio documentario sarà assegnato un premio di 1.000 euro.
È possibile far parte della giuria del pubblico compilando la richiesta di partecipazione disponibile sul sito del Nuovo Cinema Aquila all’indirizzo: http://www.cinemaaquila.com/contest-il-documentario-in-sala/ L’organizzazione nominerà la giuria sulla base delle candidature pervenute e dopo una selezione de visu dei proponenti.

“Contest, il documentario in sala” si inserisce quest’anno all’interno del progetto “Altre Visioni Mondo, un festival lungo un anno per un cinema in Comune”, sostenuto e con il Patrocinio dell’Assessorato alla Cultura, la Creatività e Promozione Artistica del Comune di Roma.

premoiaudiodoc

Regolamento Premio Audio Doc
1. La partecipazione alla sezione Audio Documentario è gratuita e aperta a tutti, senza limiti di età o nazionalità. I documentari, in lingua italiana, possono essere inediti o trasmessi da emittenti italiane o estere, purché messi in onda a partire dal 1° gennaio 2013.
2. La scheda di iscrizione e i materiali richiesti devono essere inviati entro il 30 aprile 2014.
3. La Direzione artistica della sezione audio documentario si riserva il diritto inappellabile della selezione.
4. L’Organizzazione nominerà una giuria popolare che, insieme ad alcuni esperti del settore, verrà incaricata di assegnare un premio di 1000 € all’autore del miglior audio documentario.
5. Gli ascolti verranno programmati dal 27 maggio al 1 giugno 2014 al Nuovo Cinema Aquila (Via l’Aquila, 66 – Roma), sarà necessaria la presenza dell’autore.
6. Con la sottoscrizione della scheda di iscrizione e l’invio della stessa all’indirizzo dell’Organizzazione, gli autori accettano il presente regolamento e si impegnano ad osservarlo.
7. L’organizzazione si riserva il diritto di variare all’ultimo momento il calendario dell’attività.

Materiali richiesti:

1. Scheda di iscrizione completa.
2. Sinossi, trascrizione dell’audio documentario.
3. Locandina (alta risoluzione 300dpi) e foto inerenti l’audio documentario.
4. Breve biografia e foto autore.
5. Trailer in versione Mp3 (320Kbps – 48kHz)
6. Audio documentario in versione Mp3 (320Kbps – 48kHz)
Inviare a direzione@tratti.org e audiodoc@audiodoc.it utilizzando il servizio di trasferimento file preferito.


Leggi il Bando del Premio AudioDoc con il regolamento e ulteriori informazioni.
Scarica la Scheda di iscrizione

Ricordando Antonio

In occasione della Sartiglia 2014 e delle manifestazioni ad essa collegate,
l’Associazione culturale Tratti Documentari presenterà a Oristano la proiezione del film “Senza Ferro” (53′ – 2009)
allo scopo di rendere omaggio ad Antonio Casu e al lavoro da lui fatto coi giovani negli ultimi trent’anni.

ricordando-antonio-loghi-mail1

Antonio è prematuramente scomparso lo scorso mese di novembre e la proiezione di “Senza Ferro” – un film che lui ha particolarmente voluto e amato – vuole essere un’occasione per rendere omaggio a un personaggio di sicuro riferimento per il mondo della Sartiglia, della Sartigliedda, per lo sport e la cultura di Oristano.

Antonio è stato sartigliante e componidori negli anni ’50, ideatore della Sartigliedda, creatore della scuderia “Giara Club – Is Pariglias”, dove negli ultimi 30 anni, sotto la sua guida, sono cresciuti sportivamente tantissimi dei sartiglianti di oggi.

Nel 1991 è stato insignito della Maschera d’argento, l’ambito riconoscimento della Confartigianato di Oristano. La motivazione dell’assegnazione di quel premio ben delinea la figura di Antonio Casu:  ”Per la sua straordinaria vocazione alla vita equestre, tesa unicamente alla esaltante scrupolosa e faticosa preparazione dei ragazzi quali futuri e autentici cavalieri della Sartiglia in tantissimi anni di vita operativa. Per il prezioso contributo alla valorizzazione del Torneo Oristanese in Italia e all’estero con la continua e spettacolare presenza della sua scuola equestre protagonista assoluta e messaggera di una lontana e salda cultura mediterranea che resiste al tempo, perché atavicamente legata ai valori primari di un limpido mondo contadino ancora integro, produttivo e saldo che nella storia è storia per il prestigio al mondo Giudicale e per il contributo odierno di crescita e di speranza nell’orizzonte culturale Arborense”.

Lunedi 24 febbraio 2014, ore 18:00
Sala Centro Servizi Culturali UNLA, Oristano.

54° FESTIVAL DEI POPOLI

Segnaliamo l’anteprima mondiale di EU013, L’ULTIMA FRONTIERA al 54° Festival dei Popoli
Festival Internazionale del Film Documentario, a Firenze dal 30 novembre al 7 dicembre 2013.

Siamo stati felici di aver incontrato e sostenuto gli autori Alessio Genovese e Raffaella Cosentino nella realizzazione del loro prezioso film.

Appuntamento a Firenze, lunedì 2 dicembre, Spazio Alfieri, ore 21:00

eu013 giulio piscitelli

EU013, L’ULTIMA FRONTIERA
Ogni anno migliaia di cittadini stranieri vengono trattenuti all’interno dei Centri di Identificazione ed Espulsione (C.i.e.) italiani per non avere un regolare permesso di soggiorno. Possono restarvi rinchiusi fino ad un anno e mezzo senza aver commesso reato e senza essere stati condannati da un giudice. La detenzione amministrativa in Europa è la conseguenza estrema del funzionamento delle frontiere all’interno dell’area Schengen.

L’ultima frontiera parte dalla descrizione della frontiera come luogo, spazio in cui vengono messe in pratica le scelte della politica comunitaria. Sono gli operatori della polizia di frontiera di Ancona e Fiumicino, seguiti nelle normali procedure di controllo e contrasto all’immigrazione irregolare, a mostrarci il funzionamento di tale spazio. Il tentativo è quello di descrivere l’idea che oggi è alla base dell’affermazione di una identità europea diversa da tutto ciò che non lo sia.

I C.i.e. sembrano essere la conseguenza estrema di questa idea. Per la prima volta in Italia, il Ministero dell’Interno ha autorizzato una troupe cinematografica ad entrare in queste strutture. Il muro di silenzio che circonda i C.i.e. e chi vi è rinchiuso si è aperto, in via del tutto eccezionale, al nostro breve passaggio per poi richiudersi nell’indifferenza di tutti i giorni. Sono luoghi che si raccontano da soli, istituzioni totali che ci ricordano i lager e i manicomi, dove a farla da padrone è la violenza, fisica e mentale. Gli “ospiti”, come vengono chiamati i trattenuti, sono persone private della loro identità. Finiscono rinchiusi per i motivi più svariati. La maggior parte di loro ha perso il permesso di soggiorno per effetto della crisi, molti altri hanno finito di scontare una pena in carcere, pochissimi sono quelli che arrivano dagli sbarchi. La percentuale più alta non viene rimpatriata. Allo scadere dei diciotto mesi vengono rilasciati con un foglio di via con il quale devono uscire dal territorio nazionale italiano entro pochi giorni. Molti di loro non vengono più riconosciuti dai loro consolati, se escono dal nostro per andare in un altro paese europeo vengono fermati e rimandati in Italia dove vengono riportati in un C.i.e. per altri diciotto mesi. Una storia assurda che sembra non finire mai.

Regia: Alessio Genovese
Soggetto e realizzazione: Raffaella Cosentino e Alessio Genovese
Fotografia: Bruno Fundarò
Presa Diretta: Andrea Colaiacomo
Montaggio: Dario Indelicato
Musiche originali: Alessandro Librio
Sound Editor: Gianluca Stazi
Grafica: Matteo Mangonara

Link:
Zabbara
Festival dei Popoli

Roma, Cinema Trevi

Incontro con il Cinema Sardo”, Giovedi 17 ottobre presso il cinema Trevi, vicolo del Puttarello 25.

Ore 17.00
Senza ferro” di Giuseppe Casu (2009, 53’)

Ore 18.00
Manca solo il mare” di Cristina Agostini e Giuseppe Casu (2010, 41’)

Ore 19.00
L’amore e la follia” di Giuseppe Casu (2012, 60’)

Ore 20.45
incontro con Cristina Agostini, Giuseppe Casu e con il i critico Giulio Latini
introduce Antonio Maria Masia e modera Alessandra Peralta

“Ilva, c’era una rivolta”, presentato al Lucca Film Festival

Da “loschermo.it” – Gianluca Testa

loschermo

LUCCA, 24 settembre – “Qua ogni famiglia ha il suo morto da piangere per enfisema polmonare”, racconta una voce matura, triste, consapevole. “Sempre più spesso in giro vediamo persone camminare con la mascherina e la bomboletta dell’ossigeno in mano”. Non stiamo parlando di zone di guerra né di terre colpite da chissà quale attacco chimico. Al centro di tutto questo c’è Taranto con la ‘sua’ acciaieria Ilva. Qua ci sono madri che nei seni hanno latte contaminato da diossine e donne che madri non la saranno mai per il crescente e diffuso numero di aborti. “A Taranto non nascono più bambini”, dicono. E quelli che invece hanno la fortuna – o la disgrazia? – di nascere si portano dietro malattie talmente gravi che non toccherebbero neppure all’anziano e più incallito fumatore.

Così Taranto lotta, combatte e resiste all’ombra dell’acciaieria che continua a contare i propri morti. Anche all’interno della fabbrica siderurgica, anche negli spazi sottoposti a sequestro. Due operai hanno trovato la morte proprio lì, dove non dovevano né potevano essere.

Questa forte testimonianza, empatica e ben costruita, passa attraverso l’audio-documentario “Ilva, c’era una rivolta“, realizzato dalla giornalista di Rai Radio3 Ornella Bellucci con l’aiuto di Gianluca Stazi. E questa mattina – in un incontro moderato da LoSchermo.it – ad ascoltarlo e discuterne con l’autrice, accompagnata dalla collega e scrittrice Flavia Piccinni, c’erano oltre quaranta ragazzi. Molti dei quali neppure sapevano cosa fosse l’Ilva.

Ebbene, questa storia che si muove a cavallo tra due secoli, emblematica della nostra cara Italia, mettendo insieme il tema del lavoro e della disoccupazione con tutte le declinazioni più devastanti che una vicenda così fatta può avere (dal problema ambientale a quello della salute), ha catturato la loro attenzione. E per un’ora e mezzo in molti occhi si è acceso un interesse sincero.

Ci piace pensare che ‘Audio documentari in città’ – nuova sezione del Lucca film festival in cui prima ancora dell’immagine a raccontare sono ‘solo’ parole, suoni e rumori – rappresenti di fatto un terreno vergine in cui coltivare passioni, contenuti, storie. Ovviamente col pretesto della comunicazione e dei nuovi e vecchi linguaggi. Perché anche nell’era dei social network, dove la radio si ascolta in podcast e la tv si guarda su internet, non vada persa la funzione nobile della parola. Ed è un bene che questi audio-documentari escano dalla ghettizzazione di festival di nicchia o di concorsi dedicati.

“In quella fabbrica ha lavorato anche mio madre. All’Ilva lavorano anche la maggior parte dei miei amici”, racconta Ornella. Gironalista, sì. Ma anche tarantina. “Raccontare Taranto, oggi, significa raccontare una piazza, un luogo compatto che parla di lavoro e d’ambiente. Ci sono mutazioni genetiche, i bambini non nascono più, i giovani emigrano altrove per trovare occupazione”.

Questa non è una storia lontana. Perché ci tocca da vicino. Proprio ieri, sul Corriere della Sera, Beppe Severgnini ha pubblicato una lettera. A scriverla è Alessandro Valente. Una lettera che si conclude così: “… Lo Stato dovrebbe proteggere prima il cittadino e la sua salute, poi viene tutto il resto. La vera arte della politica è contemperare tutte le esigenze, mentre ora vedo solo lobby al lavoro: la lobby della famiglia Riva che usa come sempre il ricatto occupazionale e che vuol apparire addirittura la vittima. La vittima è Taranto, non dimentichiamolo per cortesia”.

gianluca testa

Link:
www.loschermo.it
audiodocumentari in città

Lucca Film Festival

AUDIODOCUMENTARI IN CITTA’

Dal 23 al 27 settembre 2013, all’interno del Lucca Film Festival, gli audiodocumentari arrivano a Lucca con la prima edizione della rassegna Audiodocumentari in città che, rivolta alla cittadinanza e alle scuole, proporrà due workshop gratuiti, quattro ascolti e altrettante tavole rotonde incentrate sui temi dei lavori ascoltati: il gioco d’azzardo, il rapporto fra industria e ambiente, il carcere, l’assistenza famigliare.

Ideato e organizzato da Officine Abaco e QZR.
In collaborazione con il Lucca Film Festival.

AUDIODOCUMENTARI:

La tromba d’oro
di Angelo van Schaik
Regia di Angelo van Schaik
Prodotto da VPro

Italia-Romania: in viaggio con le badanti
di Flavia Piccinni
Regia di Daria Corrias
Prodotto da Flavia Piccinni

Ilva, c’era una rivolta
di Ornella Bellucci e Gianluca Stazi
Regia di Ornella Bellucci
Prodotto da Tratti Documentari

Fuga dalla vittoria
di Jonathan Zenti
Regia di Jonathan Zenti
Prodotto da Jonathan Zenti

orecchio

SEGNALIAMO:

24 settembre 2013
Ilva, c’era una rivolta
Biblioteca civica Agorà, Auditorium
ore 11:30

Ascolto dell’audiodocumentario e tavola rotonda.
Partecipanti:
Ornella Bellucci – giornalista, autrice dell’audio documentario
Alda Fratello – assessora alla Cultura del Comune di Lucca
Gianluca Testa – giornalista

24 settembre 2013
Ilva, c’era una rivolta
Biblioteca civica Agorà, Auditorium
ore 18:30

Ascolto dell’audiodocumentario e a seguire incontro con Ornella Bellucci, autrice dell’audiodocumentario.
Partecipanti:
Ornella Bellucci – autrice dell’audiodocumentario
Nicola Borrelli – presidente Lucca Film Festival

LINK:
NEWS: Ilva, c’era una rivolta
PROGETTO: Racconti Invisibili

Officine Abaco
Lucca Film Festival

Roma, Casa del Cinema

Ascolto dell’audio documentario “Ilva, c’era una rivolta“ alla Casa del Cinema di Roma

CDC350x350

Martedi, 17 settembre 2013

ore 16:30
Assemblea pubblica per un laboratorio permanente Rai di produzione e formazione di cinema documentario e audio documentario.

dalle ore 19:00
I vivi e i morti di Goro, di Sergio Zavoli (1961)
Ritorno a Srebrenica, di Santo Della Volpe (2012)
Zona Pericolosa, di Citto Maselli (1959)
Estatti da Mare nostrum (2003) e Schiavi (2013) di Stefano Mencherini
Ilva, c’era una rivolta di Ornella Bellucci (2013)
E’ stato morto un ragazzo di Filippo Vendemmiati (2010)
I giorni della rabbia di Amedeo Ricucci (2009)
Terre in moto di Michele Citoni, Angela Landini, Ettore Siniscalchi (2006)
I paesaggi del sale di Lucio Gaudino (1995)

Link:
TRAILER: Ilva, c’era una rivolta
NEWS: Ilva, c’era una rivolta
PROGETTO: Racconti Invisibili

Casa del cinema